cms

Chi siamo

Dario Flaccovio e Marisa Dolcemascolo aprono una libreria nel 1972 in un quartiere allora periferico di Palermo. Intuiscono ben presto che il settore tecnico è la strada da percorrere, si specializzano in tale area differenziandosi dalle librerie generaliste di città e riscontrano subito un grande apprezzamento dalla clientela professionale. Pochi anni dopo, l'apertura di una nuova libreria determina il consolidamento dell'immagine di due librai attenti e generosi.

Nel 1980, con il primo libro pubblicato Tecniche costruttive e risparmio energetico, la casa editrice esordisce mostrando attenzione verso temi innovativi e ancora inesplorati. È così che si presenta al panorama editoriale italiano per la specificità e il coraggio della sua produzione. Pochi anni dopo, una rivoluzione irrompe nella vita di tutti: i PC diventano strumenti di lavoro economicamente accessibili e ben presto diventano insostituibili specie per i professionisti. Ma i software costano tanto. Ecco venir fuori la grinta di Dario che grazie alla collaborazione di Eugenio Rizzo, giovane architetto non geloso dei programmi da lui compilati, lancia il mitico 25 programmi di ingegneria che inaugura la collana Programmi in BASIC e  un nuovo prodotto editoriale, quello del libro con software allegato, che ben presto diverrà una "normalità"  nella produzione di tanti altri editori, tecnici e non. Nello stesso tempo la produzione editoriale si arricchisce di parecchi titoli nell'ambito della editoria varia mostrando la versatilità dell'editore e la sua capacità di individuare autori e titoli che raggiungono un gradevole successo negli ambiti più disparati.

Nel 2000 la decisione di vendere le due librerie (oggi ancora in esercizio e da NON confondere con le omonime librerie Flaccovio chiuse nel 2013) per dedicarsi interamente all'editoria.

Nel 2016 la casa editrice si rinnova, offrendo in una nuova e moderna sede il piacere di condividere spazi e attività diverse alla sua Città, Palermo, e a chiunque abbia il piacere di visitarla.

Nel punto Flaccovio (questo il nome del nuovo spazio), un bookshop che espone esclusivamente le proprie pubblicazioni e la sala eventi aperta ad ampio raggio ad attività di intrattenimento e culturali mostrano quanto sia immutata, anzi ancor più arricchita dall'esperienza, la capacità e la volontà dei suoi fondatori di rinnovarsi e di credere nella validità della propria proposta culturale.