product

Valutazione della vulnerabilità sismica degli edifici esistenti in cemento armato - II EDIZIONE

Informazioni per la valutazione strutturale - Studio delle fessurazioni - Dissesti in fase di esercizio - Dissesti causati dal sisma - Analisi del degrado - Valutazione della resistenza del calcestruzzo in opera - AGGIORNATO ALLE NTC 2018

Autore: Salvatore Lombardo

57,80 €

-15% 68,00 €
Nuovo
Disponibile anche in ebook (formato ePub)

Con l'acquisto di questo prodotto guadagni 2 Punti fedeltà pari a 2€ sulla tua VirTuaCard.


Prezzo scontato: 57,80 €

Prezzo di copertina: 68,00 €

Sconto: -15%

Anno di pubblicazione: 2018

Disponibile

DETTAGLI

  • 608 pagine
  • Formato: 17x24
  • Seconda Edizione, luglio 2018
  • ISBN 9788857908663

 

AUTORI

 

DESCRIZIONE

In questa nuova edizione, il testo Valutazione della vulnerabilità sismica degli edifici esistenti in cemento armato è stato completamente riscritto e rivisto in ogni sua parte anche alla luce delle nuove NTC 2018, con l’intento di dare al testo ancora di più una veste manualistica e fornire uno strumento agevole per l’architetto o l’ingegnere che deve valutare la gravità anche potenziale delle fessurazioni da sisma o da esercizio o di entrambe negli edifici esistenti in c.a.

Sono stati inoltre aggiunti nuovi argomenti come i danni agli edifici esistenti causati dalla liquefazione del terreno per effetto del sisma.

Tutti argomenti di sempre più grande attualità anche alla luce degli eventi sismici che frequentemente interessano, in maniera più o meno grave, quasi tutte le regioni italiane.

Il problema è che diversi edifici esistenti, pubblici e privati,  presentano significative carenze progettuali, costruttive e di degrado che li rendono vulnerabili sismicamente, in casi particolari anche con rischio di crollo per insufficiente resistenza anche ai soli carichi verticali, tra l’altro incrementati anche da sopraelevazioni realizzate senza le necessarie indagini circa l’idoneità della struttura originaria.

Gli edifici in c.a. fortemente danneggiati o collassati per effetto dei recenti eventi sismici hanno fatto emergere le gravi carenze progettuali ed esecutive, caratteristiche queste probabilmente comuni a molti degli edifici costruiti in Italia, si pensi al problema sempre ricorrente dell’errata chiusura delle estremità delle staffe e della loro assenza nel pannello dei nodi o alle estremità dei pilastri.

Il testo affronta la modalità delle indagini, dirette e indirette, sulle strutture in opera ai fini della valutazione della resistenza a compressione del calcestruzzo in accordo con il Cap. 8 delle Norme tecniche per le costruzioni 2018, le Linee guida per la valutazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera (2017), le norme Uni En 1998-3 e Uni En 13791, quest’ultima con riferimento alla norma inglese Bs 6089:2010 (Valutazione della resistenza a compressione in sito nelle strutture e nei componenti prefabbricati in calcestruzzo - Guida complementare a quella indicata nella norma Bs En 13791).

Le indagini, dirette e indirette, sono finalizzate anche alla valutazione di eventuali interventi di adeguamento o di miglioramento sismico o miranti alla demolizione e alla ricostruzione della struttura ritenuta vulnerabile sismicamente.


Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua
Votare/scrivere un commento