product
Palermo al tempo dei giornali - PRESTO DISPONIBILE Sfoglia online

Palermo al tempo dei giornali

Dal dopoguerra alla rivoluzione digitale

Autore: Giuseppe Palmeri

18,70 €

-15% 22,00 €
Nuovo

Nessun punto fedeltà per questo prodotto.


Prezzo scontato: 18,70 €

Prezzo di copertina: 22,00 €

Sconto: -15%

Anno di pubblicazione: 2019

DETTAGLI

  • 240 pagine
  • Formato: 13x20
  • Prima edizione: novembre 2019
  • ISBN 9788857909769

 

AUTORI

 

DESCRIZIONE

Il libro di Giuseppe Palmeri “Palermo al tempo dei giornali”, è una ricerca di carattere storico, in cui si analizzano i settimanali d’opinione (di varie tendenze ideologiche) che uscirono a Palermo dopo la fine dell’ultima guerra.

Nella prima è descritta la Città e la società popolare palermitana nel tempo immediatamente successivo alla fine della seconda guerra mondiale, quando i giornali editi a Palermo svolgevano un insostituibile ruolo informativo. Erano infatti tempi in cui i fogli stampati a Palermo non avevano molti concorrenti nel mercato cittadino, non arrivando regolarmente ancora la stampa del Nord, e mancando ancora la televisione e, ovviamente, gli ultimi media digitali cui siamo ormai abituati. Una seconda parte del libro riporta il volto di singoli e specifici giornali (fondatore, direttori, collaboratori, editori, pensiero politico, qualità dell’edizione ecc.), riallacciandoli al particolare momento storico-politico e culturale di Palermo dei primi decenni post bellici.

Le riproduzioni delle originarie testate, allegate al testo, oltre ad offrire la documentazione del momento giornalistico di ciascuno di essi, nei suoi contenuti, possono suscitare emozione in coloro che quei giornali hanno avuto nella loro giovinezza come oggetti di lettura e ricordano i grandi cambiamenti fatti dall’arte della stampa dai tempi del piombo, dei cliché e dell’inchiostro, fino ad essere indotti alla descrizione di “una tipografia di provincia”, fatta da Balzac nelle sue illusions perdues.

L’attraversamento di mezzo secolo di storia, attraverso ognuna delle testate richiamate nel libro, e l’analisi più dettagliata dei contenuti di alcuni di essi , richiamano momenti ormai individuabili attraverso note parole chiave: dall’impallidire degli ideali fascisti alla prospettiva profondamente riformista dell’ideologia rivoluzionaria e socialcomunista alla scelta cristiano-liberale ed occidentalizzante, fino all’espandersi dal Nord della contestazione giovanile, all’assunzione d’una scelta operosa dichiaratamente anti mafia, all’emergere del dissenso cattolico.

Le centinaia di nomi di giornalisti e collaboratori citati in ogni capitolo inducono a ritrovare volti successivamente affermatisi nel mondo d’un giornalismo di più vasti orizzonti ovvero come scrittori o addirittura entrati nel contesto politico della storia fluente nei decenni.


Voti e valutazione clienti

Nessun cliente ha lasciato una valutazione
in questa lingua
Votare/scrivere un commento